Guide motorizzabili a 1 asse

Guide a cinghia

Uno dei vantaggi che ne deriva dall’utilizzo della cinghia per la movimentazione di guide lineari è la buona silenziosità aggiunta alla possibilità di raggiungere velocità elevate fino a 2-3 m/s.
Le guide a cinghia della CTS utilizzano la cinghia AT10 con differenti larghezze a seconda del carico da movimentare. La presenza all’interno di trefoli d’acciaio evita allungamenti e fenomeni di elasticità durante il lavoro.

prodotto 1 prodotto 1


prodotto 1 prodotto 1


prodotto 1 prodotto 1



prodotto 1

Guide a cremagliera

Le guide a cremagliera vengono impiegate quando c’è la necessità di realizzare lunghe vie di lavoro, quando bisogna sfruttare tutto lo spazio disponibile e quando è il carrello a stare fermo e la guida a muoversi.
Le guide a cremagliera in versione standard montano la cremagliera a denti diritti, facilmente reperibile sul mercato nel caso di eventuali ricambi.

prodotto 1 prodotto 1


prodotto 1

Guide a vite

Vengono impiegate guide a vite quanto si necessità di una precisione di posizionamento inferiore a 0,1 mm (vite a ricircolo di sfera), quando ci sono velocità molto basse e quando si vogliono avere dimensioni contenute. Il montaggio del motore in presa diretta con la vite favorisce l’impiego di motori con coppie molto basse.
Le guide a vite vengono fornite sia con vite a ricircolo di sfera che con vite trapezoidali a seconda della necessità.


prodotto 1 prodotto 1


prodotto 1

Guide motorizzabili con catena

Le guide motorizzabili con catena si impiegano principalmente per sollevamenti o quando la temperatura ambientale è talmente alta da precludere l’utilizzo della cinghia.
L’impiego di guide motorizzabili con catena elimina il rischio di salto di dente che si può verificare utilizzando la cinghia nelle movimentazioni verticali.


prodotto 1 prodotto 1


prodotto 1

Attuatori lineari - reciprocatori

Gli attuatori lineari mostrati in figura vengono comunemente chiamati “reciprocatori”.
Nel primo caso si ha la movimentazione contemporanea dei due carrelli perché mentre uno sale l’altro scende (applicazione classica è quella del contrappeso per equilibrare gli sforzi sul motore). Nel secondo, invece, i due carrelli si allontanano e si avvicinano simultaneamente (utile qualora si volesse realizzare un sistema di presa, un’apertura di porte, un compattatore, ecc. ).

prodotto 1 prodotto 1